PANNI & LA ZAMPOGNA


ORIGINI DI PANNI (FG) E DELLA SUA ZAMPOGNA

Di Angelo Capozzi

Per far delle proposte fondate relativamente alle origini di Panni (FG), preferisco partire dalle leggende evidenziate da molti studiosi del mondo greco e latino, perché è l’unico vero materiale che riesce a fornire, immediatamente, lumi su un passato tanto remoto. Una leggenda parla dell’arrivo, nell’attuale Capitanata (ed oltre), di Dauno, figlio di Licaone re dell’Arcadia (nel Peloponneso), accompagnato da un contingente di Illiri (probabilmente Illiri-Pelasgi). I Dauni scacciano gli Ausoni, che molti studiosi considerano di etnia simile agli Arcadi. I Dauni sono Dardani, sono in qualche modo Pelasgi-Micenei, quindi non ancora Elleni. Arrivano in Puglia, a mio parere, poco dopo il II millennio a.C. Alcune leggende fanno venire Dardano, il capostipite dei Dardani dall’Arcadia. Come vedete c’è un ritorno costante dell’origine arcadica delle nostre genti. Le leggende relative all’arrivo di Diomede (re di Argo del Peloponneso), in qualche modo sta ad indicare l’arrivo di nuovi greci, anche se, quasi sicuramente, non ancora Elleni, che si integrano con i Pelasgi-Micenei-Dauni già residenti nel territorio della Puglia settentrionale. Ricordiamo che i Dauni erano Pelasgi diventati Dani, e quindi Dauni, con l’arrivo nel Peloponneso di Danao dall’Egitto (sovrano di origini argive), che divenne re di Argo. Come vedete c’è anche un ritorno costante della città di Argo. Danao, dopo il suo arrivo in Grecia, riformò positivamente l’economia, le leggi, la religione del mondo greco, al punto che tutti i Pelasgi (cioè tutti greci) presero il nome di Dani o Argivi (così li indica Omero nell’Iliade). Argo del Peloponneso è molto probabilmente la fondatrice della colonia daunia che si chiamerà,come la madre patria, Argo Hippium (l’Argo dei Cavalli) e ognuna nei rispettivi territori era situata ad est e vicino al mare. Sappiamo che successivamente l’Argo Hippium daunia verrà chiamata Arpi, e con tale nome sarà grandemente conosciuta nella storia antica delle città d’Italia.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.